Home italia Carceri e delinquenti: Ennesimo decreto svuota carceri.

Carceri e delinquenti: Ennesimo decreto svuota carceri.

da Admin

di FDB per LINSOLENTE.COM

Il Governo che la Costituzione ed il Presidente Mattarella hanno permesso e voluto che rimanesse nella pienezza dei poteri, anche dopo lo scioglimento delle Camere, ha partorito un’altra indicibile nefandezza: un decreto che per semplicità viene definito svuota carceri ma che in realtà, dopo insindacabile giudizio del magistrato di sorveglianza, autorizza il detenuto a lavorare e comunque ad agire, vivere libero all’esterno alla faccia della condanna ricevuta.

Pur di non ammettere l’incapacità assoluta del Ministero della Giustizia e del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria di rispettare il dettato costituzionale, che parla di pena da scontare e rieducazione del condannato all’ interno dell’istituto di pena, si spalancano le porte di quelle carceri dove, da alcuni anni, non si lavora più e non si offre alcuna alternativa al detenuto se non l’ozio o la violenza.

Centinaia e centinaia di appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria che non conoscono più la parola formazione od aggiornamento formativo, migliaia di addetti ai lavori ridotti al rango di carcerieri, di tanto vituperati secondini che altro non fanno che aprire e chiudere porte alla faccia delle loro eccellenti professionalità.

Ed il governo Gentiloni un attimo prima di liberare lo scranno che già occupava abusivamente ci ammannisce questa pillola avvelenata: cittadini onesti impauriti, sbeffeggiati, delinquenti impunemente liberi e questo nel 40 anniversario del dell’uccisione di Moro e della sua scorta.

Un segnale politico non indifferente, grazie immarcescibile ministro Orlando, grazie presidente Gentiloni e speriamo addio per sempre.

You may also like

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Accetta Leggi la Privacy Policy.